Importantissimo da leggere prima di procedere oltre

Dinamica delle offerte sulle pile Panasonic


   La nostra azienda è stata una delle prima in Italia (dal 1983) a distribuire le pile Panasonic, in modo specifico nel canale delle tabaccherie. Magnificare le qualità del prodotto è ormai superfluo, visto il loro successo di vendite e di pubblico, che apprezza sempre di più l’eccezionale rapporto qualità/prezzo di queste pile. Ma anche i nostri rivenditori sanno valutare l’ottimo margine che ne ricavano, grazie anche ad un prezzo pubblico non inflazionato. La scelta di vendere le pile Panasonic è sempre vantaggiosa per tutti!!
Proprio nell’ottica del prezzo controllato, è nostra abitudine indicare nel nostro listino, il prezzo base al dettaglio ufficiale della Panasonic, sul quale poi veicolare tutte le nostre promozioni. Il prezzo che trovate in listino vi potrà sembrare alto, rispetto sia alla concorrenza che ad altri distributori di Panasonic, ma è solo una percezione, perché poi in realtà il prezzo pagato è ben diverso. Il prezzo in fattura rimane quello ufficiale e non ci sono sconti finanziari, ma tutta la differenza, è nell’alto valore degli sconti merce che vi vengono consegnati.
In pratica, quando inseriamo gli sconti merce, noi vi mettiamo letteralmente a disposizione, tutta la nostra capacità di acquisto alla quale spesso si accompagna anche una contribuzione finanziaria della casa madre. Ne consegue quindi che, quando inseriamo in sconto degli accendini, per esempio, noi valorizziamo a nostro prezzo di acquisto, tutto lo sconto finanziario massimo che potremmo darvi, con una risultante eccezionale convenienza. Considerando poi che di solito, tutti gli accendini vengono venduti prima di tutte le pile, ecco che la somma che si ricava dall’operazione, annulla completamente il costo delle pile ed anzi, ne avanza ancora. Basti pensare che la media minima del ricarico su queste operazioni è del 250%, che vuol dire per ogni 100€ di pile acquistate, ne ricavate come minimo 250 €. Senza ombra di dubbio, da qualsiasi parte la vogliate calcolare, in qualsiasi maniera lo vogliate vedere, il risultato economico è questo.
Cambia leggermente il discorso quando in sconto merce c’è un oggetto non rivendibile, ad esempio un telefonino. In questo caso tutto il discorso verte solo sulla vostra necessità di quell’oggetto, nel senso che se si serve, dovreste comunque andare a comprarlo da qualche parte, e poi materialmente pagarlo. Qui entra in gioco la nostra "famosa" potenzialità di acquisto, che vi permette di usufruire del nostro costo di acquisto, come sopra detto. Per cui se calcolate quanti soldi avreste pagato normalmente l’oggetto e lo andate a rapportare alle pile comprate, vi risulterà in pratica uno sconto finanziario molto più alto di quello abituale. Naturalmente l’oggetto vi deve servire, altrimenti tutto il discorso è inutile.
Se invece non volete in sconto merce, né prodotti né oggetti, sappiate che appena arrivate alla soglia di € 100 a prezzo di listino, le pile acquistate vi vengono raddoppiate di quantità. In pratica avrete un 1+1 secco, che dimezza immediatamente il prezzo in listino.
Se qualcosa non vi è chiaro oppure vi necessitano altre informazioni, contattateci pure, siamo a vostra disposizione.


Clicca qui per visualizzare l'offerta